dss_new.jpg
bacchus.jpg
mosaic3p.jpg
hydro.jpg
ecoidriflor.jpg
swiff.jpg
wilife.jpg
econursery.jpg
garantes.jpg
agridigit.jpg

Progetto di Ricerca e Sviluppo Tecnologico, cofinanziato dalla Commissione Europea con il contratto numero EVG1 CT-2002-00075, nell'ambito del 5° Programma Quadro, sottoprogramma "Energia, Ambiente e Sviluppo Sostenibile".

Il progetto "Bacchus" ha riguardato il miglioramento delle metodologie disponibili per la localizzazione e la caratterizzazione dei vigneti, attraverso dati di telerilevamento ad alta risoluzione e tecniche di analisi spaziale. L'obiettivo del progetto è stato quello di fornire a Consorzi, agricoltori e produttori di vino un sistema integrato e completo per soddisfare le loro esigenze informative sulle condizioni dei vigneti, basato principalmente sull'utilizzo di immagini satellitari e aeree, GIS (Sistemi Informativi Geografici) e moderne soluzioni software.

Durante il progetto abbiamo sviluppato una metodologia per effettuare l'inventario delle aree viticole e la gestione del singolo vigneto. Questa metodologia è stata testata su vari sistemi pilota con l'obiettivo di supportare l'utente finale in una serie di attività:

  • aggiornamento delle statistiche regionali e locali (per l'analisi delle zone di origine controllata (DOC e DOGC), la valutazione delle tendenze esistenti e/o lo studio della variabilità tra i vigneti e all'interno del singolo vigneto);
  • gestione dei lavori di campagna e degli interventi a breve, medio e lungo termine (dallo studio preliminare della vocazionalità del territorio, in fase di impianto, fino alla pianificazione della raccolta);
  • valutazione e monitoraggio dei vigneti, fornendo il tasso di crescita della vite (quantità di biomassa), fasi fenologiche (data) e la previsione della produzione di uva (quantità e qualità).

I partner di "Bacchus" hanno affrontato tutte queste problematiche riguardanti la gestione del vigneto, studiando e proponendo soluzioni specifiche ed originali integrando nuove metodologie e tecniche in strumenti innovativi ed efficaci. In particolare, è stato sviluppato un nuovo approccio metodologico per l'implementazione di strumenti specifici per:

  • aggiornamento del catasto vitivinicolo mediante immagini telerilevate;
  • applicazioni di agricoltura di precisione per la valutazione dell'accrescimento della vite e la stima della produzione, mediante l'utilizzo di specifici modelli matematici e stazioni agrometeorologiche ;
  • la gestione dei vigneti e la valutazione degli scenari produttivi attraverso l'integrazione di banche dati tradizionali, strumenti di analisi spaziale GIS e tecniche di telerilevamento.

BACCHUS cover small

 Vineyard Suitability and Variability Evaluation System (VISAVES)

Prototipo di progetto sviluppato in ambiente VBA Esri ArcGIS 8.3.

(Bernardo Rapi, Maurizio Romani - 2005)

VISAVES è un pacchetto software che si basa sulla tipica tecnologia GIS, all'interno del quale sono stati implementati indici, modelli matematici e statistici, utili per fornire elementi di comprensione delle dinamiche in atto e supportare le decisioni nel lungo, breve e medio termine.

I produttori di vino europei devono aumentare la loro attenzione alla gestione del territorio e delle sue risorse, nel tentativo di raggiungere livelli sempre più elevati di razionalizzazione delle loro attività e di ottimizzazione dei diversi fattori produttivi.

Dovendo confrontarsi con mercati sempre più competitivi e affrontare nuove sfide dal punto di vista sociale e ambientale, la disponibilità di strumenti avanzati, in grado di supportare le attività dei fiduciari e dei decisori, è sentita come una necessità da molti operatori del settore.

Il sistema VISAVES intende fornire una valida risposta a queste esigenze, fornendo informazioni veramente utili da un punto di vista operativo sulle potenzialità dei vari vitigni e sulla gestione dei vigneti secondo le peculiarità ambientali e le caratteristiche specifiche della realtà produttiva a cui è indirizzato. Per questo motivo il sistema propone metodologie e criteri riconosciuti dalla comunità scientifica e portati a livello operativo grazie al contributo determinante di esperti locali e utenti finali.

visaves1

L'integrazione dell'Information Tecnology (IT), degli strumenti matematici e statistici con le conoscenze e le capacità gestionali degli operatori consente di sfruttarne le potenzialità applicative per la gestione delle realtà produttive che intendono intraprendere la strada dell'innovazione e dello sviluppo.

Trattandosi di un sistema che necessita di essere adeguato alle caratteristiche dei sistemi produttivi che si intende supportare, le attività di raccolta e organizzazione delle informazioni, nonché la messa a punto del sistema, devono essere pensate come un'attività svolta in sinergia con le diverse figure coinvolte.

Una volta organizzate all'interno del proprio database le informazioni disponibili per una specifica realtà produttiva, VISAVES consente di eseguire una serie di simulazioni per valutare la risposta dell'impianto alle condizioni attuali e/o alle modifiche che possono essere apportate o che possono intervenire in quello specifico contesto produttivo.

 

Vocazionalità territoriale
Diagramma modello vocazionalità territoriale
Modelli operativi
Diagramma modelli VISAVES


Per una migliore descrizione della condizione esistente, il sistema richiede una o più immagini multispettrali, acquisite da satelliti ad alta risoluzione o altre piattaforme aeree (aerei, UAV, ecc.), durante la fase di sviluppo vegetativo La risoluzione richiesta/utile varia, a seconda delle applicazioni desiderate, da pochi metri a pochi centimetri.

I vari strumenti consentono di:

Valutazioni a lungo termine (anni)

  • Caratterizzare l'ambiente da un punto di vista morfo-pedo-climatico costruendo mappe di:
    • Quote, esposizioni e pendenze;
    • Radiazione solare su versante e interna al vigneto;
    • Classi pedologiche;
    • Indici climatici (termici, eliotermici, pluviometrici, idrometrici, ecc.);
  • Individuare le aree più idonee per una specifica cultivar e portainnesto, integrando le peculiarità territoriali con le esigenze delle piante;
  • Individuare la migliore esposizione per le piante e organizzare l'impianto del vigneto;
  • Stimare i fabbisogni idrici e gli eventuali fabbisogni aggiuntivi rispetto alle caratteristiche pluviometriche, durante le diverse fasi di sviluppo.

 Valutazioni intermedie (mesi)

  • Stimare l'effetto di determinate pratiche sulla produzione e sulla qualità:
    • Potatura secca e verde;
    • Diradamento;
    • Fertilizzazione;
    • Inerbimento.
  • Prevedere l'effetto di eventi dannosi:
    • Gelate;
    • Attacchi parassitari;
    • Stress idrici.
  • Produrre con mesi di anticipo una forbice produttiva in funzione del possibile andamento climatico fine a fine anno:
    • Ottimale
    • Media
    • Negativa
  • Identificazione di aree omogenee per:
    • Fase fenologica
    • Biomassa
    • Produzione
    • Qualità

Valutazioni a breve termine (giorni)

  • Quadro gestionale
    • Sistema corrente
      • Superficie colturale
      • Sistema di impianto
      • Vitigni
      • Portainnesti
      • Età delle piante
      • Sistema irriguo
    • Archivio storico
      • Operazioni colturali
      • Produzioni
      • Qualità del prodotto
  • Programma gestionale
    • Interventi colturali
    • Calendario dei trattamenti
    • Amministrazione
    • Previsione degli interventi colturali
  • Descrizione della variabilità interna dei vigneti
    • Identificazione di aree omogenee (attribuzione di valori misurati)
    • Biomassa
    • Indice di area fogliare (LAI)
    • Condizione sanitaria
    • Indice di variabilità (maggiore variabilitò = maggiore difficoltà gestionale)
  • Identificazione di aree a basso sviluppo o con presenza di stress
  • Valutazione del rischio di attacchi parassitari (funghi, batteri, virus e insetti)
  • Bilancio idrico nelle diverse zone del vigneto

 

visaves_dia6.png
diapositiva10.jpg
diapositiva11.jpg
visaves_dia2.png
visaves_dia4.png
visaves_dia5.png
diapositiva12.jpg
diapositiva13.jpg
previous arrow
next arrow